Regala una Pianta. La consegniamo noi

Il nostro servizio per regalare una pianta nella zona di Bologna – Casalecchio di Reno – Valsamoggia.

Segui la procedura qui sotto elencata:

1. Guarda il nostro negozio online per farti un’idea.

2. Per rendere più rapida la procedura contattaci

3. Fornisci l’indirizzo cui vuoi venga effettuata la consegna

4. C’è altresì la possibilità di realizzare un Biglietto, è sufficiente comunicare cosa si desidera scriverci sopra

Ricordiamo che su casalecchio la consegna è gratuita, mentre su alcune zone di Bologna, Zola Predosa, Sasso Marconi, Anzola, Monte San Pietro e Valsamoggia il trasporto è a tariffa unica di €.10,00

5. Una volta definito il tutto si può procedere al pagamento con bonifico, PayPal, Satispay o Carta di Credito con Nexi

Qui sopra un esempio di come viene confezionato e realizzato il tutto.

I peperoncini e la scala di Scoville

Disponibilità peperoncinipackvaso 10vaso 14gradi Scoville
Carolina Reaperx1.800.000
Moruga redx1.500.000
Trinidad scorpion yellowx1.500.00
Seven Podx1.300.00
Buth Yolokiax1.000.000
Naga Morichx970.000
Habanero Chocolatex400.000
Habanero Orangex350.000
Habanero Redxxx350.000
Habanero Yellowx350.000
Habanero Biancox350.000
Fataliix300.000
Jamaican Scotch Bonnetx200.000
Pimenta de Neidex200.000
Diavolicchio Calabresexxx150.000
Tabascoxx50.000
Viagra Cilenox30.000
Mazzetti Etnaxxx30.000
Hot Daisy (tondo multicolor)x30.000
Naso del Diavolox30.000
Adornox20.000
Multicolor x20.000
Jalapenoxx15.000
Cayennaxxx15.000
Mazzetti arancio Strombolixx10.000
Tondo Calabresexx5.000

La scala di Scoville misura la piccantezza di un peperoncino


E’ la Capsicina contenuta nei peperoncini che determina la sensazione di bruciore. La piccantezza dipende anche dal clima e dal terreno. Inoltre la sensazione o la tolleranza varia da persona a persona

Dicembre

E’ il mese delle sistemazioni prima delle festività natalizie. Bisogna raccogliere le foglie cadute dagli alberi, vangare le aiuole, concimare e potare le piante. Si piantano ancora le Viole, le Skimmie e le Eriche. Si regalano i Ciclamini con le Stelle di Natale.

Nell’orto controllare i Cavoli e coprire i radicchi e le insalate. Legare i Cardi. Vangare le zone incolte per preparale alla primavera. Il ghiaccio fa bene al terreno perchè una volta passato l’inverno sarà più semplice coltivarlo.

L’irrigazione va chiusa e svotate le tubazioni. Le centraline a pila vanno smontate.

Il tutto augurandovi Buone Feste e un Felice 2021 dal vostro vivaio di fiducia. Anche in un periodo così complicato.

E ricordatevi che tra poco arriveranno i bellissimi Hellebori Niger e gli Iberis Sempervirens amanti del freddo.

Il Patto di Collaborazione e Gaia

Da una proposta di Quark srl è nata un idea di grande impatto sociale.

Il progetto prevede una forma ibrida tra il Patto di Collaborazione e il progetto Gaia del comune di Bologna.
Le piante scelte rientrano in quelle indicate all’allegato 3 del Regolamento Comunale del Verde Pubblico e Privato del comune di Bologna: specie vegetali con elevata efficacia ambientale

Il 13 novembre 2020 abbiamo messo a dimore le piante ora aspettiamo l’inaugurazione. Guarda qui sotto la presentazione del progetto.

La rotonda Biagi a Casalecchio

Nel marzo 2001, grazie anche all’associazione Verde in Comune di Milano e alle rotonde di Cervia, scegliemmo di dare un contribnuto alla nostra città prendendo in gestione la realizzazione e la manutenzione del verde della famosa Rotonda Biagi. con una superficie di ben 1520 mq

Piante utilizzate :

Rose Hidetraum. E’ una rosa dai fiori fucsia molto bella e rifiorente. Apprezzata per il colore dei suoi petali oltre che per la sua straordinaria resistenza alle malattie, la Heidetraum raggiunge i 60-70 centimetri di altezza ed è ideale per la formazione di roseti a cespuglio basso o per la creazione di bordure e aiuole con rose tappezzanti. Il centro del fiore è color giallo sgargiante ed è in risalto con il colore dei petali.

Salvia Bronzea

Elicriso

In stagione
Autunno -inverno: Viole e tulipani

Primavera Estate : Gerani da terra

Fitosanitari o agrofarmaci

Per gli hobbisti, nel tempo, l’utilizzo dei prodotti fitosanitari o agrofarmaci è diventato stringente. La normativa ha ridotto il ventaglio dei prodotti che i privati possono usare senza patentino.

Il nostro vivaio tratta solo prodotti senza patentino per uso non professionale e cerchiamo di prendere solo quelli a bassa tossicità.

I prodotti fitosanitari che trattiamo sono dei PnP ossia:

Sono prodotti fitosanitari per uso non professionale (di seguito indicati come PnP) i prodotti che:

  • –  sono destinati ad essere utilizzati su piante, ornamentali o edibili, coltivate in forma amatoriale e destinate al consumo familiare;
  • –  possono essere acquistati ed utilizzati senza necessità di una specifica abilitazione;
  • –  in etichetta recano la dicitura «Prodotto fitosanitario destinato agli utilizzatori non professionali».

a sua volta si dividono in:

  • – PnPA – prodotti utilizzate per la difesa fitosanitaria di piante edibili (la pianta o i suoi frutti) coltivate in forma amatoriale, il cui raccolto sia destinato al consumo familiare (prodotti finora non espressamente previsti dalla normativa nazionale) e su tappeti erbosi ed aree incolte;
  • – PnPO – prodotti per l’impiego su piante ornamentali e da fiore in appartamento, balcone e giardino domestico (già presidi medico-chirurgici ex-D.P.R. 6 ottobre 1998, n. 392, successivamente identificati come prodotti fitosanitari per piante ornamentali – PPO secondo la definizione di cui alla Circolare n. 77 del 15 aprile 1999) e su specifiche aree in giardino domestico.

Se usiamo dei pesticidi o fitosanitari rischiamo di compromettere l’ottenimento di un prodotto incontaminato o naturale. La difesa colturale può avvenire solo con prodotti di origine naturale. Impariamo a prevenire i parassiti, le malattie e le infestanti poiché intervenendo a monte si possono usare trattamenti meno invasivi.

Personalmente consiglio in casi estremi, per evitare che la pianta muoia, di utilizzare quel prodotto fitosanitario che determina il minore dei mali.

  • usa fitosanitari con carenza e limite di tolleranza il più basso possibile.

Si spera che nella carenza più bassa si possa riscontrare il prodotto meno tossico, anche se non vi è questa relazione.

Una carenza bassa implica un dilavamento rapido o meglio un residuo basso del prodotto velenoso sull’ortaggio o frutto trattato.

  • controlla i tempi di rientro

in alcuni fitosanitari esiste un tempo prima del quale non è possibile rientrare nell’orto dopo il trattamento.

  • non usare nel tuo orto e terrazzo i fitosanitari con patentino.

I fitosanitari con il patentino lasciamoli agli altri.

  • Verifica che il prodotto che usi sia registrato per le colture trattate e per il parassita o il fungo da contrastare.

Purtroppo nel biologico abbiamo molti scarti a causa del fatto che “permettiamo” ad insetti o funghi di mangiare o danneggiare le nostre colture. Ma a noi questo non interessa finché gli insetti o funghi non possono portare alla morte della pianta.

Sono d’accordo tra una via di mezzo tra il biologico e l’intervento con fitosanitari e prodotti di sintesi. L’ago della bilancia è il buon senso e deve comunque pesare dal lato biologico.

Ricordiamo inoltre la differenza tra intossicazione acuta e cronica che può aiutare a comprendere meglio il problema dei fitosanitari.

L’intossicazione acuta avviene quando l’organismo è esposto a grosse quantità di fitosanitari in periodi brevi.

L’intossicazione cronica si verifica quando l’organismo è esposto a brevi quantità di fitosanitari per lunghi periodi. Questa ultima intossicazione è la più subdola poiché colpisce senza accorgersene nel tempo, anche con prodotti di poca importanza. Stare molto attenti.

Personalmente eviterei per gli ortaggi i fitosanitari sistemici che agiscono entrando nella linfa della pianta.

Si ricorda inoltre come cambiano velocemente le autorizzazioni per l’uso di principi attivi dove si capisce successivamente la loro pericolosità.

Quindi usa i fitosanitari con ATTENZIONE e PRUDENZA.

Calendario Lunare delle Semine e dell’Imbottigliamento 2021

Le linee generali circa la semina e l’imbottigliamento:

Per la semina:

  • Seminare o trapiantare le piante che si sviluppano sopra al terreno in luna crescente,
  • Seminare o trapiantare le piante che si sviluppano sotto il terreno in luna calante

Per l’imbottigliamento:

  • Non imbottigliare quando tira il vento
  • Se volete del vino ancor più frizzante imbottigliate in luna crescente ossia fuori dalle date indicate

A tua discrezione se decidi di scaricare la versione in PDF del Calendario delle Semine e dell’Imbottigliamento 2021 un piccolo contributo di solidarietà

Il contributo andrà a sostegno del Centro per le Vittime di Casalecchio di Reno Bologna http://centrovittime.org

1,00 €


Prodotti consigliati, direttamente dal nostro shop online:

Novembre

COSA FARE NELL’ORTO:

Vangare e concimare con Stalfert.

Seminare piselli,fave, aglio, cipolle, scalogno, radicchi, insalate…. Si può iniziare a fare tutto ma con cautela.

COSA FARE NEL GIARDINO:

Vangare e concimare tutto il verde con il Dermazoto, mentre tutte le piante che vanno a fiore con Stalfert e Dermazoto al 50%

Il prato va concimato con il Dermazoto ( gr.100 al mq.) oppure con il Bioquikgel. Apportare Nitroprill per favorire la ripartenza post-invernale. Arieggiare ed eventualmente traseminare.

Il gelo ha creato non pochi problemi. Bisogna potare gli oleandri e gli allori che il gelo ha bruciato. Andate a cercare nella potatura la parte verde. Potate tutto il secco e riducete di un terzo o a metà lunghezza i rami. Controllate lo stato delle Mimose.

Non abbiate paura di trovare il giardino in cattivo stato. Appena la stagione partirà troverete un giardino bellissimo, forse più bello degli altri anni.

Continuiamo con la consegna a domicilio in tempo di Covid 19

Se vuoi consegnamo a domicilio:

PER ORDINARE: ordina da sito, contattaci con Whatsapp ,  scrivi a info@vivaiomenzani.it , telefona al 347 8532878 (dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18,00 dal lunedì al sabato). Gli ordini verranno evasi entro 3/4 giorni lavorativi.

CONSEGNA: consegnamo gratuitamente su Casalecchio di Reno mentre su Bologna, Zola Predosa, Sasso Marconi, Valsamoggia, Monte San Pietro, Anzola, Calderara di Reno chiediamo un contributo di €.10,00. Per altre zone di Bologna non incluse nella precedente lista €.20,00

Le piante vengono consegnate esclusivamente su Bologna

Per ogni informazione o chiarimento chiamateci al 347 8532878 valuteremo insieme come procedere.

PAGAMENTO:  con Carta di credito, Paypal, Satyspay, Bancomat con Pos portatile, bonifico bancario o contanti in busta,

COME CONSEGNAMO:  ti consegneremo i prodotti all’esterno dell’abitazione o del condominio. Manteniamo le distanze di sicurezza come da direttive del Ministero della Salute.